Contenuto principale

Imm sem escursionismoLa Regione Piemonte, in collaborazione con l’Unione Montana Suol D’Aleramo e il Comune di Ponti, organizza per lunedì 25 novembre a Ponti (AL) a Borgata Chiesa Vecchia alle ore 9,45 il seminario “Escursionismo e valorizzazione delle aree montane e rurali in Piemonte”.

L’investimento che la Regione Piemonte ha messo in campo negli ultimi anni per promuovere l’escursionismo, il cicloescursionismo ed in generale l’outdoor quale importante attrattiva del territorio montano e rurale è notevole; iniziative volte alla valorizzazione della rete escursionistica, alla riqualificazione di rifugi, bivacchi e punti informativi a supporto della frequentazione turistica. Dal 2000 ad oggi, sono stati investiti in questo settore circa 40 milioni, utilizzando fondi propri, nazionali e comunitari. La montagna, insieme alle aree collinari e rurali, è sicuramente il simbolo per eccellenza di questa nuova scoperta del Piemonte da parte non solo di sportivi, ma anche di famiglie che, sempre di più, privilegiano accostare il concetto di svago a quello di attività sane praticate all’aperto.
In questo quadro si collocano gli interventi di recupero e valorizzazione delle migliaia di km della rete di sentieri piemontesi dalle Alpi agli Appennini, dalle Langhe al Monferrato oggetto di interventi di adeguamento e manutenzione anche da parte delle squadre forestali regionali.
Sentieri che sono stati censiti e caratterizzati in un database il Catasto Regionale della Sentieristica, quindi organizzati in itinerari attrezzati attraverso il lavoro dei funzionari regionali, dei GAL e dei Comuni, coinvolgendo privati e associazioni e utilizzando le risorse derivanti dai finanziamenti europei.
Una politica che, vista la particolare ricchezza di opportunità che il Piemonte offre agli amanti della natura e degli sport all’aria aperta, può rappresentare un’importante risorsa per i territori montani e collinari, una fonte di occupazione e reddito e, infine, un modo per conservare il paesaggio e tutelare l’ambiente naturale.
Dopo anni di investimenti e impegno i cui frutti si colgono già concretamente sui territori, si è ritenuto utile fare il punto per analizzare in modo critico il lavoro fatto e nel contempo cogliere nuovi stimoli.
In quest'ottica si colloca il seminario che la Regione Piemonte organizza in collaborazione con l’Unione Montana Suol D’Aleramo e il Comune di Ponti, nell’Acquese, dove tecnici e amministratori possono trarre nuovi spunti dal confronto di esperienze con esempi concreti di interventi realizzati e nuove opportunità di sviluppo economico avviate nell’ambito dei territori rurali piemontesi.

 

PROGRAMMA

Ore 9,45: Registrazione e benvenuto
Interverranno: Piero Roso Sindaco di Ponti, Claudio Isola Presidente dell’Unione Montana Suol D’Aleramo; Gian Franco Baldi Presidente della Provincia di Alessandria, Fabio Carosso Vicepresidente e Assessore Urbanistica, Programmazione territoriale e paesaggistica, Sviluppo della Montagna, Foreste, Parchi, Enti locali della Regione Piemonte

Ore 10: Apertura dei lavori
Moderatore: Graziano Volpe dirigente del Settore Sviluppo della Montagna Regione Piemonte

"La valorizzazione del patrimonio escursionistico regionale" - Carlo Alberto Dondona IRES Piemonte; Fabio Giannetti IPLA S.p.A.

"L’impegno finanziario delle Regione Piemonte per il comparto outdoor analisi e prospettive" - Stefano Verga, Patrizia Clemente Regione Piemonte;

"Gli interventi realizzati dalle squadre forestali sulla rete escursionistica regionale" - Giorgio Cacciabue Regione Piemonte;

"Il ruolo dei G.A.L. nella promozione delle risorse locali" - Fabrizio Voglino G.A.L. Borba;

Esperienze: il progetto Roero Bike Tour RBT - Andrea Cauda sindaco di Montà, referente Ecomuseo delle Rocche del Roero;

Proiezione video e dibattito

12,30-14,00 Pausa lavori con degustazioni prodotti locali

Ore 14,00 Ripresa lavori
Esperienze: il progetto Itinerario delle Chiese campestri e dei Calanchi - Renata Ghione, Alberto Gennari tecnici progettisti;

Esperienze: il progetto “Giro delle 5 Torri” - Walter Barberis CAI Sez. Acqui Terme;

Esperienze: Stefania Grandinetti - Agriturismo Le Piagge;

Esperienze: Gabriele Ferreri - Dumacanduma, Guide escursionistiche;

Altri contributi e dibattito

Ore 16,30 Conclusioni e chiusura dei lavori

 

La partecipazione al seminario è gratuita, l’adesione al seminario va comunicata indicando nome, cognome entro il 23 novembre all’indirizzo e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

LOCANDINA DEL SEMINARIO

Incontri informativi Bando Pubblico per il sostegno a investimenti per interventi puntuali e di valenza locale relativi ad infrastrutture turistico ricreative ed informazione nell'ambito del CLLD Leader - Op. 7.5.2. (Tipologia 1)

Martedì 23 Luglio 2019 ore 17.30 presso Sala Consiliare del Comune di Ponti - Piazza XX Settembre 1 - Ponti (AL)

Martedì 23 Luglio 2019 ore 21.00 presso Sala Consiliare del Comune di Monastero Bormida - Piazza Castello 1 - Monastero Bormida (AT)

Mercoledì 24 Luglio 2019 ore 18,00 presso Sala Consiliare del Comune di Belforte Monferrato - Via San Colombano 3 - Belforte Monferrato (AL)

Scarica Locandina

A seguito dell'entrata in vigore da parte della Regione Piemonte del nuovo "Elenco Prezzi in Agricoltura 2019", si specifica che per le opere soggette a computo metrico per il bando in oggetto, occorre seguire tale prezziario consultabile al seguente link

https://www.regione.piemonte.it/web/temi/agricoltura/elenco-prezzi-agricoltura-2019

È operativo, con la pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte, il nuovo regolamento regionale delle strutture ricettive extra-alberghiere, che attua la legge regionale n. 13/2017 di riordino del settore.
L’obiettivo della Giunta regionale è quello di fornire un valido supporto normativo capace di soddisfare le crescenti attese di un segmento del sistema turistico che in questi anni è cresciuto in modo significativo. Nel 2017, infatti, il settore extra-alberghiero è cresciuto del 4,4% in termini di strutture e dell’1,7% in posti letto. Rispetto a dieci anni fa il dato è ancora più importante: il numero di strutture è infatti cresciuto di oltre il 62% mentre i posti letto di quasi il 20%. Anche in termini di flussi turistici, il settore si è sviluppato in maniera rilevante: nel 2017 la crescita è stata del 9,5% negli arrivi e del 6,2% nelle presenze. Rispetto al 2008, il dato è di +82,3% di arrivi e +39,5 di presenze.
Il testo regolamentare, che disciplina in particolare le caratteristiche, i requisiti tecnici ed igienico-sanitari, nonché le modalità di gestione delle attività ricettive extralberghiere, è il risultato di un lungo lavoro di concertazione, che ha coinvolto un gruppo di lavoro interdirezionale di Giunta, i rappresentanti delle principali associazioni di categoria e la III Commissione del Consiglio regionale. Le strutture già esistenti dovranno adeguarsi al nuovo regolamento nei prossimi mesi e con specifiche scadenze a seconda delle loro caratteristiche, mentre i periodi di apertura si applicheranno dal 1° gennaio 2019. (dal Comunicato Stampa della Giunta Regionale - Leggi l'articolo completo)

Nuovo regolamento strutture ricettive extra-alberghiere

foto 2Mercoledì 8 maggio presso l’Ufficio del Presidente della Regione Piemonte di Piazza Castello a Torino, si è tenuto un incontro tra il Candidato Presidente alla Regione Piemonte Sergio Chiamparino, Claudio Amateis Presidente di Asso Piemonte Leader, l’associazione che riunisce i 14 Gruppi di Azione locale (GAL) del Piemonte e una delegazione dei Presidenti GAL formata da Patrizia Giachero e Luca Bringhen per sottoscrivere un documento di impegno al sostegno presente e futuro delle attività dei GAL piemontesi, rivolte allo sviluppo dei territori più marginali.

I GAL in Piemonte sono 14, coinvolgono 753 Comuni e operano sul 64% del territorio regionale, dove risiedono 1.100.000 abitanti. Le risorse destinate alle aree in cui operano i GAL, derivanti dai fondi strutturali europei del FEASR, ammontano a 65 milioni di euro.
Nel mese di ottobre 2016 i GAL piemontesi hanno avviato la programmazione 2014-2020, con un budget del 6,4% del PSR pari - come evidenziato sopra - a 65 milioni di euro.
Ad oggi l'attività dei GAL ha consentito di sostenere 627 domande di investimento da parte delle imprese (settore turistico-ricettivo, agroalimentare, artigianato tipico, forestale), di supportare la creazione di 131 nuove imprese e di finanziare 311 progetti di Enti pubblici, per un totale di 26 milioni di euro.
Asso Piemonte Leader, per voce del Presidente Amateis, ha informato il Presidente Chiamparino che le risorse assegnate nel Piano di Sviluppo Rurale del Piemonte al programma LEADER gestite dai GAL, non saranno sufficienti a soddisfare tutte le domande di investimento, a supportare la creazione di nuove imprese, a sviluppare le progettualità che stanno emergendo sui territori dei GAL.
Asso Piemonte Leader ha quindi chiesto al Presidente Chiamparino, vista la situazione contingente, di destinare parte dei fondi FEASR non ancora impegnati in questa programmazione europea, al sostegno delle attività economiche dei territori rurali che i GAL del Piemonte non potranno soddisfare.
Il documento che le proponiamo di sottoscrivere” ha continuato Amateis è anche “la formalizzazione di un impegno che i GAL del Piemonte chiedono ai futuri amministratori regionali a sostenere, per la prossima programmazione 2021-2027, un incremento della nostra dotazione finanziaria fino al 10% delle risorse che saranno disponibili sul Programma di Sviluppo Rurale della Regione Piemonte, al fine di dare maggiore forza e capacità operativa al programma Leader in Piemonte”.

Il Presidente Sergio Chiamparino ringrazia Amateis per l’attività e l’ottimo risultato dei GAL piemontesi, ad oggi al primo posto per avanzamento di spesa a livello nazionale, che fanno del Piemonte “il Leader” in Italia: “mi impegnerò già nei prossimi giorni a fare una verifica approfondita per individuare la possibilità di venire incontro alle richieste del territorio che non possono essere soddisfatte con l’attuale disponibilità di risorse. Allo stesso modo confermo il mio impegno sulla futura programmazione 2021-2027, per quanto riguarda il coinvolgimento dei GAL, attraverso l’associazione, nelle politiche decisionali e in particolare per garantire una quantità di risorse necessaria per i prossimi Piani di Sviluppo locale dei i GAL piemontesi”.

Il Presidente Claudio Amateis esprime soddisfazione per l’incontro. "Desidero ringraziare il Presidente Sergio Chiamparino per aver condiviso e sottoscritto le nostre richieste. Questo contribuisce a dare forza, sostanza e sostegno economico alle imprese e agli enti che operano nei territori rurali e montani. Da parte nostra continueremo il nostro lavoro con impegno, in collaborazione con gli assessorati regionali, in particolare con l’Assessorato allo Sviluppo della Montagna, auspicando anche per la futura programmazione nuovi stimoli e opportunità di crescita. Al contempo ci adopereremo per far conoscere sempre di più l'importanza del lavoro svolto dai GAL a favore dello sviluppo delle aree rurali".

Comunicato stampa 9 maggio 2019