Contenuto principale

A seguito dell’Intesa in Conferenza Stato Regioni del 5 novembre 2020 sono state approvate le nuove LINEE GUIDA SULL’AMMISSIBILITÀ DELLE SPESE RELATIVE ALLO SVILUPPO RURALE 2014-2020 che prevedono che le fatture emesse dal 1° gennaio 2021 prive di CUP o di indicazione equipollente (dicitura di annullamento PSR 2014-20 – op….) NON saranno ammissibili al sostegno. Potrà pertanto essere accertato dagli istruttori il relativo investimento in quanto realizzato, ma non potrà essere riconosciuto per l’erogazione della quota percentuale di sostegno.

Fanno eccezione le spese:

  • sostenute prima della presentazione della domanda di sostegno relative alle spese generali, come onorari di architetti, ingegneri e consulenti, compensi per consulenze in materia di sostenibilità ambientale ed economica, inclusi studi di fattibilità (di cui all’art. 45 paragrafo 2 lettera c) del reg. (UE) 1305/2013, per gli investimenti relativi alle misure che rientrano nel campo di applicazione dell’art. 42 TFUE),qualora previste dal bando;
  • relative a spese connesse a misure di emergenza dovute a calamità naturali, eventi catastrofici, avversità atmosferiche o cambiamenti bruschi e significativi delle condizioni socio-economiche sostenute dopo il verificarsi dell’evento (art. 60 Reg(UE) 1305/2013);
  • relative al pagamento delle utenze (telefono, luce, etc).

Di conseguenza, le Disposizioni in tema di annullamento dei documenti contabili, approvate con Determina n. 139 del 21/05/2019, sono da applicarsi esclusivamente per fatture emesse fino al 31/12/2020.

Scarica le Linee guida sull’ammissibilità delle spese relative allo sviluppo rurale 2014-2020 aggiornate al 5 novembre 2020.

Con Determina n. 352 del 10/12/2020 è stata approvata la rev. 6 del Manuale Procedure Controlli e Sanzioni – misure non SIGC, la rev. n. 3 degli Allegati al predetto Manuale e definiti i termini di applicazione delle Disposizioni di annullamento dei documenti.


Consulta il Manuale Procedure Controlli e Sanzioni PSR 2014-2020_Rev 6

ATTENZIONE:

Nell’ambito dell’Aiuto di Stato SA.50986 (2018/N) “Aiuti per i servizi di base e per il rinnovamento dei villaggi nelle zone rurali” (Op. 7.5.2 e 7.6.4 del GAL Borba), alla luce del recente chiarimento trasmesso dalla Commissione Europea, con la presente si comunica che non è più necessario redigere alcuna dichiarazione per quanto concerne le “Entrate nette”.

In particolare, i servizi della Commissione confermano che, tenuto conto del punto (649) degli orientamenti e delle informazioni inviate dalle autorità italiane con lettera del 19 giugno 2020, le intensità massime fissate tra il 60% e il 90% per i quattro tipi di operazione del PSR coperti dal regime SA.50986, e indicate nella decisione del 13 febbraio 2018, possono essere interpretate come equivalenti al 100% dei costi ammissibili con deduzione ex ante delle entrate nette.

Arpea ha inserito sul proprio sito le check list beneficiari aggiornate al 13/11/2020 da utilizzare per tutte le domande di pagamento (acconto, saldo).
Pertanto per le prossime domande di pagamento che verranno trasmesse dai Beneficiari Pubblici (Comuni, Unioni) dei Bandi 764 e 752 al GAL Borba dovranno essere utilizzate le check list aggiornate al 13/11/2020 disponibili al seguente link:

http://www.arpea.piemonte.it/site/normativa/category/470-check-list-controlli-amministrativi-appalti

Per qualsiasi chiarimento gli uffici del GAL Borba scarl sono a disposizione.