Contenuto principale

Incontri informativi Bando Pubblico per il sostegno a investimenti per interventi puntuali e di valenza locale relativi ad infrastrutture turistico ricreative ed informazione nell'ambito del CLLD Leader - Op. 7.5.2. (Tipologia 1)

Martedì 23 Luglio 2019 ore 17.30 presso Sala Consiliare del Comune di Ponti - Piazza XX Settembre 1 - Ponti (AL)

Martedì 23 Luglio 2019 ore 21.00 presso Sala Consiliare del Comune di Monastero Bormida - Piazza Castello 1 - Monastero Bormida (AT)

Mercoledì 24 Luglio 2019 ore 18,00 presso Sala Consiliare del Comune di Belforte Monferrato - Via San Colombano 3 - Belforte Monferrato (AL)

Scarica Locandina

A seguito dell'entrata in vigore da parte della Regione Piemonte del nuovo "Elenco Prezzi in Agricoltura 2019", si specifica che per le opere soggette a computo metrico per il bando in oggetto, occorre seguire tale prezziario consultabile al seguente link

https://www.regione.piemonte.it/web/temi/agricoltura/elenco-prezzi-agricoltura-2019

È operativo, con la pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte, il nuovo regolamento regionale delle strutture ricettive extra-alberghiere, che attua la legge regionale n. 13/2017 di riordino del settore.
L’obiettivo della Giunta regionale è quello di fornire un valido supporto normativo capace di soddisfare le crescenti attese di un segmento del sistema turistico che in questi anni è cresciuto in modo significativo. Nel 2017, infatti, il settore extra-alberghiero è cresciuto del 4,4% in termini di strutture e dell’1,7% in posti letto. Rispetto a dieci anni fa il dato è ancora più importante: il numero di strutture è infatti cresciuto di oltre il 62% mentre i posti letto di quasi il 20%. Anche in termini di flussi turistici, il settore si è sviluppato in maniera rilevante: nel 2017 la crescita è stata del 9,5% negli arrivi e del 6,2% nelle presenze. Rispetto al 2008, il dato è di +82,3% di arrivi e +39,5 di presenze.
Il testo regolamentare, che disciplina in particolare le caratteristiche, i requisiti tecnici ed igienico-sanitari, nonché le modalità di gestione delle attività ricettive extralberghiere, è il risultato di un lungo lavoro di concertazione, che ha coinvolto un gruppo di lavoro interdirezionale di Giunta, i rappresentanti delle principali associazioni di categoria e la III Commissione del Consiglio regionale. Le strutture già esistenti dovranno adeguarsi al nuovo regolamento nei prossimi mesi e con specifiche scadenze a seconda delle loro caratteristiche, mentre i periodi di apertura si applicheranno dal 1° gennaio 2019. (dal Comunicato Stampa della Giunta Regionale - Leggi l'articolo completo)

Nuovo regolamento strutture ricettive extra-alberghiere

foto 2Mercoledì 8 maggio presso l’Ufficio del Presidente della Regione Piemonte di Piazza Castello a Torino, si è tenuto un incontro tra il Candidato Presidente alla Regione Piemonte Sergio Chiamparino, Claudio Amateis Presidente di Asso Piemonte Leader, l’associazione che riunisce i 14 Gruppi di Azione locale (GAL) del Piemonte e una delegazione dei Presidenti GAL formata da Patrizia Giachero e Luca Bringhen per sottoscrivere un documento di impegno al sostegno presente e futuro delle attività dei GAL piemontesi, rivolte allo sviluppo dei territori più marginali.

I GAL in Piemonte sono 14, coinvolgono 753 Comuni e operano sul 64% del territorio regionale, dove risiedono 1.100.000 abitanti. Le risorse destinate alle aree in cui operano i GAL, derivanti dai fondi strutturali europei del FEASR, ammontano a 65 milioni di euro.
Nel mese di ottobre 2016 i GAL piemontesi hanno avviato la programmazione 2014-2020, con un budget del 6,4% del PSR pari - come evidenziato sopra - a 65 milioni di euro.
Ad oggi l'attività dei GAL ha consentito di sostenere 627 domande di investimento da parte delle imprese (settore turistico-ricettivo, agroalimentare, artigianato tipico, forestale), di supportare la creazione di 131 nuove imprese e di finanziare 311 progetti di Enti pubblici, per un totale di 26 milioni di euro.
Asso Piemonte Leader, per voce del Presidente Amateis, ha informato il Presidente Chiamparino che le risorse assegnate nel Piano di Sviluppo Rurale del Piemonte al programma LEADER gestite dai GAL, non saranno sufficienti a soddisfare tutte le domande di investimento, a supportare la creazione di nuove imprese, a sviluppare le progettualità che stanno emergendo sui territori dei GAL.
Asso Piemonte Leader ha quindi chiesto al Presidente Chiamparino, vista la situazione contingente, di destinare parte dei fondi FEASR non ancora impegnati in questa programmazione europea, al sostegno delle attività economiche dei territori rurali che i GAL del Piemonte non potranno soddisfare.
Il documento che le proponiamo di sottoscrivere” ha continuato Amateis è anche “la formalizzazione di un impegno che i GAL del Piemonte chiedono ai futuri amministratori regionali a sostenere, per la prossima programmazione 2021-2027, un incremento della nostra dotazione finanziaria fino al 10% delle risorse che saranno disponibili sul Programma di Sviluppo Rurale della Regione Piemonte, al fine di dare maggiore forza e capacità operativa al programma Leader in Piemonte”.

Il Presidente Sergio Chiamparino ringrazia Amateis per l’attività e l’ottimo risultato dei GAL piemontesi, ad oggi al primo posto per avanzamento di spesa a livello nazionale, che fanno del Piemonte “il Leader” in Italia: “mi impegnerò già nei prossimi giorni a fare una verifica approfondita per individuare la possibilità di venire incontro alle richieste del territorio che non possono essere soddisfatte con l’attuale disponibilità di risorse. Allo stesso modo confermo il mio impegno sulla futura programmazione 2021-2027, per quanto riguarda il coinvolgimento dei GAL, attraverso l’associazione, nelle politiche decisionali e in particolare per garantire una quantità di risorse necessaria per i prossimi Piani di Sviluppo locale dei i GAL piemontesi”.

Il Presidente Claudio Amateis esprime soddisfazione per l’incontro. "Desidero ringraziare il Presidente Sergio Chiamparino per aver condiviso e sottoscritto le nostre richieste. Questo contribuisce a dare forza, sostanza e sostegno economico alle imprese e agli enti che operano nei territori rurali e montani. Da parte nostra continueremo il nostro lavoro con impegno, in collaborazione con gli assessorati regionali, in particolare con l’Assessorato allo Sviluppo della Montagna, auspicando anche per la futura programmazione nuovi stimoli e opportunità di crescita. Al contempo ci adopereremo per far conoscere sempre di più l'importanza del lavoro svolto dai GAL a favore dello sviluppo delle aree rurali".

Comunicato stampa 9 maggio 2019

Foto 2 CirioNell’ambito dell’attività di comunicazione istituzionale organizzata da Asso Piemonte Leader nei confronti dei candidati alle prossime elezioni regionali lunedì 13 maggio, a Torino si è tenuto un incontro tra il Candidato Presidente alla Regione Piemonte Alberto Cirio e Claudio Amateis Presidente di Asso Piemonte Leader, l’associazione che riunisce i 14 Gruppi di Azione locale (GAL) del Piemonte per sottoscrivere, davanti a una rappresentanza di Presidenti dei GAL, un documento di impegno al sostegno presente e futuro delle attività dei GAL piemontesi, rivolte allo sviluppo dei territori più marginali.
È stato un momento importante dove i GAL hanno avuto modo di ribadire l’importanza del proprio ruolo, i risultati che si stanno ottenendo e soprattutto la volontà di essere ancora più forti e presenti sui territori marginali piemontesi, nei quali svolgono la propria attività di sviluppo.

I GAL in Piemonte sono 14, coinvolgono 753 Comuni e operano sul 64% del territorio regionale, dove risiedono 1.100.000 abitanti. Le risorse destinate alle aree in cui operano i GAL, derivanti dai fondi strutturali europei del FEASR, ammontano a 65 milioni di euro.
Nel mese di ottobre 2016 i GAL piemontesi hanno avviato la programmazione 2014-2020, con un budget del 6,4% del PSR pari - come evidenziato sopra - a 65 milioni di euro.
Ad oggi l'attività dei GAL ha consentito di sostenere 627 domande di investimento da parte delle imprese (settore turistico-ricettivo, agroalimentare, artigianato tipico, forestale), di supportare la creazione di 131 nuove imprese e di finanziare 311 progetti di Enti pubblici, per un totale di 26 milioni di euro.
Asso Piemonte Leader, per voce del Presidente Amateis, ha informato il Candidato Cirio che le risorse assegnate nel Piano di Sviluppo Rurale del Piemonte al programma LEADER gestite dai GAL, non saranno sufficienti a soddisfare tutte le domande di investimento, a supportare la creazione di nuove imprese, a sviluppare le progettualità che stanno emergendo sui territori dei GAL.
Già oggi i risultati dei bandi emessi dai GAL testimoniano di come le risorse messe in gioco non bastano a soddisfare tutte le esigenze dei territori.
Proprio in funzione di questo di questo andamento di spesa Asso Piemonte Leader ha quindi chiesto al Candidato Alberto Cirio, vista la situazione contingente, di destinare parte dei fondi FEASR non ancora impegnati in questa programmazione europea, al sostegno delle attività economiche dei territori rurali che i GAL del Piemonte non potranno soddisfare.
Il documento che le proponiamo di sottoscrivere” ha continuato Amateis è anche “la formalizzazione di un impegno che i GAL del Piemonte chiedono ai futuri amministratori regionali a sostenere, per la prossima programmazione 2021-2027, un incremento della nostra dotazione finanziaria fino al 10% delle risorse che saranno disponibili sul Programma di Sviluppo Rurale della Regione Piemonte, al fine di dare maggiore forza e capacità operativa al programma Leader in Piemonte”.

Il Candidato Alberto Cirio ha ringraziato Amateis per l’attività e l’ottimo risultato dei GAL piemontesi, ad oggi al primo posto per avanzamento di spesa a livello nazionale: “L’operato dei GAL è fondamentale e prezioso nelle aree collinari e montane della nostra regione e deve essere salvaguardato; come Candidato Presidente mi impegno a sostenere la vostra azione per garantire più fondi europei, meno burocrazia regionale e maggiore condivisione”.

Il Presidente Claudio Amateis esprime soddisfazione per l’incontro. "Desidero ringraziare Alberto Cirio per aver condiviso e sottoscritto le nostre richieste. Questo contribuisce a dare forza, sostanza e sostegno economico alle imprese e agli enti che operano nei territori rurali e montani. Da parte nostra continueremo il nostro lavoro con impegno, in collaborazione con gli assessorati regionali, in particolare con l’Assessorato allo Sviluppo della Montagna, auspicando anche per la futura programmazione nuovi stimoli e opportunità di crescita. Al contempo ci adopereremo per far conoscere sempre di più l'importanza del lavoro svolto dai GAL a favore dello sviluppo delle aree rurali".

Comunicato stampa 13 maggio 2019